Flc e Cgil: Astrazeneca, “le autorità devono fare chiarezza”

Appello di Flc e Cgil: affinché la campagna di immunizzazione proceda bisogna rassicurare lavoratori e cittadini.
Quattro morti sospette tra i lavoratori della scuola (a Bologna, Biella e Siracusa) a cui, nei giorni precedenti, era stato somministrato il vaccino Astrazeneca. La notizia è ovviamente circolata ampiamente nei principali mezzi di comunicazione e sta suscitando un certo allarme, trattandosi del vaccino più utilizzato in Italia a partire proprio dai settori della conoscenza.
Per questo, oltre all’avvenuto ritiro del lotto, Francesco Sinopoli, segretario generale della Flc Cgil, e Rossana Dettori, segretaria confederale della Cgil, chiedono “alle autorità di fare il più rapidamente possibile chiarezza sulle vere cause di quei decessi al fine di stabilire con certezza se esista o meno un nesso di causalità con la somministrazione del vaccino”.
Astrazeneca ha reso noti dati rassicuranti (su 17 milioni di vaccinati “solo” 15 trombosi e 22 embolie), ma ovviamente non basta: si attendono rassicurazioni dalle autorità terze.
Fare chiarezza e scongiurare paure è ineludibile se si vuole che la campagna vaccinale abbia successo: “È fondamentale, per un ritorno alla normalità, che la campagna vaccinale rappresenti la priorità per tutto il paese; occorre quindi che le autorità preposte – oltre a monitorare la situazione in tempo reale, come già sta avvenendo – informino con tempestività e trasparenza i cittadini e i lavoratori, al fine di garantire i massimi livelli di sicurezza, da un lato, e la massima capillarità e rapidità della vaccinazione, dall’altro”, spiegano Sinopoli e Dettori.
Infatti, “perché il piano vaccinale proceda al meglio, le persone devono essere messe in condizione di serenità rispetto all’efficacia e alla non nocività del farmaco”.
“In una fase come quella attuale in cui i dati di contagio sono in preoccupante risalita e le dosi di vaccini scarseggiano, va fatta dunque immediata chiarezza su eventuali rischi e sulla possibilità o meno di utilizzo di tutte le riserve vaccinali in nostro possesso, per evitare di mettere in discussione gli enormi sforzi che il Paese sta facendo”, conclude la nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio