L’iniziativa ®Ricerchiamo Stabilmente¯, presdi in tutta Italia

Giornata di mobilitazione nazionale dei 3.500 lavoratori precari della ricerca indetta da Fp e Nidil Cgil. Manifestazioni in varie citt…, poi consegna alla presidente della Camera Laura Boldrini delle firme raccolte sulla petizione per la regolarizzazioneUna giornata di mobilitazione nazionale dei precari della ricerca. ? quella che si tiene oggi (luned 17 luglio) in tutta Italia, lanciata da Fp e Nidil Cgil con lo slogan ?Ricerchiamo stabilmente. La ricerca scende in piazza?. L?iniziativa giunge a conclusione della raccolta delle firme sulla petizione, iniziata il 24 maggio scorso, per la stabilizzazione dei 3.500 lavoratori precari dei 21 Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) e dei dieci Istituti zooprofilattici sperimentali (Izs). Finora si registrano quasi 10 mila adesioni, fra le firme raccolte on line e sui banchetti allestiti presso gli Istituti e nelle piazze.&8232;&8232;La giornata vede l?organizzazione di manifestazioni e presdi in tutte le citt… dove hanno sede gli istituti di ricerca interessati, cui seguir… la consegna ufficiale delle firme alla presidente della Camera Laura Boldrini. ?Vogliamo portare all’attenzione dei cittadini e degli utenti i problemi di questi lavoratori, precari sottopagati, privi di diritti e tutele, con contratti a singhiozzo? spiegano Fp e Nidil: ?Lavoratrici e lavoratori che da troppi anni sono tenuti fuori da un percorso di stabilizzazione, ma che, nonostante questa loro condizione, consentono all’Italia di rimanere fra i primi paesi al mondo per scoperte in questo campo, e soprattutto garantiscono ai cittadini di avere un’assistenza sanitaria di eccellenza e al passo con le innovazioni terapeutiche?.&8232;&8232;Fp e Nidil Cgil sostengono che ?portare la ricerca in piazza sia il modo migliore per dare risalto e valore a un lavoro precario, ma fondamentale per il benessere e lo sviluppo del nostro Paese?. Le categorie Cgil puntano a coinvolgere l’opinione pubblica in questa nostra richiesta di riuscire finalmente a far comprendere a chi ne ha la responsabilit… che occorre intervenire con soluzioni credibili?. L’obiettivo Š l’apertura di un confronto con il governo ?per trovare cos le soluzioni migliori, in difesa della dignit… del lavoro e a garanzia di un settore cruciale per il Paese stesso. Perch‚ un Paese che si vanta di essere fra i grandi della terra deve farsi carico di chi in condizione precarie continua a fare in modo che ci• si realizzi?. da rassegna.it

Pulsante per tornare all'inizio