logo_cgil

CGIL
Confederazione Generale
Italiana del Lavoro
 

La CGIL è una confederazione perché rappresenta tutti i lavoratori e pensionati attraverso le Federazioni di categoria e lo Spi, il Sindacato dei pensionati italiani. Secondo lo Statuto della CGIL, la struttura organizzativa, gli organi direttivi e i modi per la loro elezione, sono determinati dalle rispettive Federazioni o Sindacati nazionali di categoria, in armonia con lo Statuto stesso della CGIL nazionale.

Le Federazioni o Sindacati nazionali di categoria organizzano le iscritte e gli iscritti alla CGIL sulla base della qualificazione merceologica del settore o del comparto cui appartiene l'azienda o l'ente in cui essi prestano la loro opera ed è di stretta pertinenza delle Federazioni nazionali l'esercizio del mandato negoziale, da esplicitare – sempre secondo lo Statuto della CGIL – nell'ambito delle direttive e del coordinamento della Confederazione ad ogni livello.

Le Federazioni di categoria sono centri regolatori e intervengono sulla politica organizzativa ai vari livelli, sull'insediamento del sindacato di categoria nei luoghi di lavoro e nel territorio, sulla promozione della politica dei quadri e della loro formazione permanente partendo dalla valorizzazione dei luoghi di lavoro, sulla distribuzione delle risorse finanziarie ai vari livelli, sul Regolamento dei trattamenti degli apparati, secondo le decisioni del Comitato direttivo della CGIL nazionale.

Attualmente, alla luce di vari riassetti che si sono succeduti nel corso degli ultimi anni, le categorie della CGIL sono 12 (sindacato dei pensionati compreso).

la FILCAMS organizza i lavoratori del commercio, turismo e servizi,

la FILT i lavoratori dei trasporti,

la FIOM i metalmeccanici,

la FILCTEM i lavoratori dell'industria e dell'artigianato chimico-farmaceutico, tessile- abbigliamento e calzaturiero, gomma plastica, vetro, concia e pelli, ceramica e piastrelle, occhiali, lavanderie industriali, lampade e display, dell'energia (petrolio, trasporto gas, miniere) e dei servizi ad alta rilevanza tecnologica (elettricità, acqua, gas);

la FILLEA organizza i lavoratori dei comparti produttivi dell'edilizia e affini, legno e arredamento, materiali da costruzione, cemento, calce e gesso, laterizi, manufatti in cemento, lapidei ed estrattivi;

la SLC organizza i lavoratori dei settori delle comunicazioni, la FLC i lavoratori della conoscenza (scuola, università, ricerca), il NIDIL i lavoratori in somministrazione (ex interinali) e i lavoratori atipici;

la FISAC rappresenta i lavoratori del settore del credito e delle assicurazioni,

la FLAI organizza i lavoratori agricoli e i lavoratori dell'industria di trasformazione alimentare.

I lavoratori pubblici sono organizzati dalla Funzione pubblica, FP.

Per quanto riguarda invece i pensionati e le pensionate, lo SPI è il sindacato che organizza e tutela nella CGIL i pensionati ex lavoratori di tutte le categorie e, in relazione a ogni regime pensionistico, i pensionati di reversibilità e i pensionati sociali.

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

11-12-2017
Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil denunciano il tentativo di ....
11-12-2017
A Roma l'appuntamento dal titolo "Nuove sfide, universalità ....
11-12-2017
Continua l'ondata di scioperi. I lavoratori si fermano di nuovo ....
11-12-2017
Sinopoli (Flc): “Filtrano notizie che non lasciano presagire ....
11-12-2017
Un ponte di 1.832 metri sull’Arno tra le Signe, al costo ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo